venerdì 25 marzo 2011

SENTENZE LATINE SUI MURI DEL MUNICIPIO DI VERDERIO SUPERIORE TRADOTTE DAL PROFESSOR ALESSANDRO PANZERI E PRESENTATE DAL PROFESSOR FERDINANDO BOSISIO







Il municipio di Verderio Superiore ha 100 anni. L'anno di nascita dell'edificio è scritto in bella evidenza e in numero romano sulla facciata sud del palazzo comunale: MCMX.

Vista la funzione pubblica dell'edificio - progettato e costruito proprio per essere il municipio del nostro Comune - sui muri esterni (sotto il portico) ed interni sono state riportate alcune frasi, in latino, che contengono consigli per una buona amministrazione della cosa pubblica e che tratteggiano il profilo e le virtù del buon amministratore.
Sono sentenze in cui si fondono brevità, solennità e semplicità.
Contengono  consigli e insegnamenti utili a tutti coloro che sono chiamati a varcare (per scelta e per volontà popolare) la soglia di quell'edificio.
Si tratta di poche frasi, in cui si è tuttavia condensata la saggezza pratica e morale del mondo antico, specialmente del mondo romano, una delle radici della nostra civiltà giuridica e politica.
Sono 'perle di saggezza', provenienti dalla riflessione sull'esperienza amministrativa e politica dell'antichità (chiamata talvolta 'classica' per il suo valore esemplare e paradigmatico), utili ad orientare, ispirare e indirizzare l'azione del prudente amministratore.
Da esse emerge una linea di pensiero molto diversa da quella che proviene dal realismo machiavellico; nelle frasi latine sul muro del municipio non si fa appello all'astuzia, alla ricerca del potere fine a se stesso, alla sola intelligenza dei rapporti di forza in campo; al contrario l'esercizio della politica è ancorato a valori e ad un certo ideale di umanità.
In queste poche frasi si sente una concezione alta e lungimirante della politica, risultante dalla coltivazione e realizzazione di pubbliche virtù.
Ma che cosa sono e quali sono queste virtù civiche? Sono valori (come pace, giustizia, concordia), disposizioni (nelle sentenze latine si parla di libertà d'animo, benevolenza, moderazione, ponderazione) e comportamenti costanti utili alla convivenza pacifica stabile: ad esempio la lealtà, il senso di solidarietà e di amicizia civica, l'azione responsabile in base alla conoscenza oggettiva e integrale dei fatti, la legalità, il rispetto delle competenze, la disponibilità al dialogo, la pazienza e la capacità di sopportare le frustrazioni, ecc.
(Piccolo consiglio del tutto personale per chi volesse sviluppare questa linea di pensiero, mantenendosi nello stile letterario delle sentenze; consiglio la lettura dei '30 consigli per il politico' scritti da don Luigi Sturzo - per me il migliore in assoluto in questo campo - , fondatore del Partito Popolare Italiano, che si possono leggere nel libro di L. Sturzo, Il manuale del buon politico, San Paolo, MI 1996, pp.126-132)

Ricordo di essere stato subito colpito da queste frasi latine quando divenni sindaco di Verderio (verso la fine del secolo scorso!). Mi sembrò contenessero una preziosa eredità trasmessaci dagli antichi.
Dato che in latino, lingua studiata in gioventù, sono ormai un 'analfabeta di ritorno', chiesi all'amico prof. Alessandro Panzeri di Lomagna, ottimo latinista e ottimo educatore di generazioni di ragazzi e giovani (ora in pensione, allora insegnante di lettere al Liceo Scientifico 'Agnesi' di Merate) di darmi la traduzione delle sentenze, in previsione di una pubblicazione commentata sull'informatore comunale.
Trascrizione e traduzione delle frasi rimasero però nel cassetto dei tanti buoni propositi non realizzati, finchè oggi, grazie alla cordiale insistenza di Marco, son contento di poterle brevemente presentare sul suo blog, fonte preziosa per la nostra storia locale.
FERDINANDO BOSISIO


1) ANIMUS IN CONSULENDO LIBER



Traduzione
UNO SPIRITO LIBERO NEL DECIDERE

NOTA
Questa frase si trova nell'attuale ufficio tributi.
Essa è contenuta in un discorso che Catone tenne al Senato contro la corruzione dei costumi:
"...domi industria, foris iustum imperium, animus in consulendo liber, neque delicto neque libidini obnoxius."
Anche in Agostino - De Civitate Dei - Liber V - 12
"nulla sunt: domi industria, foris iustum imperium, animus in consuelendo liber, neque delicto neque libidini obnoxius."
"Animus in consulendo liber" è l'espressione scolpita nell'architrave di una delle porte di accesso della Sala Consiliare del Palazzo Pubblico, o Palazzo del Governo, della Repubblica di San Marino.

 2) IN VOTIS DIRIMENDIS AEQUANIMITAS




Traduzione
MODERAZIONE NEL DISTINGUERE LE RICHIESTE (SODDISFARE LE PROMESSE?)

NOTA
Questa sentenza si trova in un piccolo locale di fianco all'ufficio anagrafe.

3) LAUDAMUS VETERES SED NOSTRIS UTIMUR ANNIS




Traduzione
ELOGIAMO IL PASSATO, MA SIAMO PROFONDAMENTE RADICATI NEL NOSTRO TEMPO.

NOTA
Iscrizione situata sotto il portico del palazzo municipale.
È tratta da un testo di Ovidio.


4) PAX OPTIMA RERUM IUSTITIA REGNORUM FUNDAMENTUM




Traduzione
LA PACE È LA MIGLIORE DELLE CONDIZIONI; LA GIUSTIZIA È IL FONDAMENTO DEL POTERE

NOTA
Iscrizione situata sotto il portico del palazzo municipale.

5) DELIBERANDUM EST DIV QUOD STATUENDUM EST SEMEL


Traduzione
SI DEVE PONDERARE A LUNGO UNA DECISIONE DA PRENDERE UNA VOLTA PER TUTTE
NOTA
Iscrizione situata sotto il portico del palazzo municipale.
Si trova in Publilio Siro, le sentenze, n.155.






6) AGERE CONSIDERATE PLURIS EST QUAM COGITARE PRUDENS


Traduzione
UN' AZIONE MEDITATA È PIÙ INCISIVA DI UN PENSIERO PRUDENTE

NOTA
Iscrizione situata sotto il portico del palazzo municipale.
In Cícerone, De Officiis 1.160.


7) CONCORDIA PARVE RES CRESCUNT DISCORDIA MAXIMAE DILABUNTUR




Traduzione
CON LA CONCORDIA LE PICCOLE COSE CRESCONO; CON LA DISCORDIA ANCHE LE GRANDI COSE VANNO IN ROVINA

NOTA
Iscrizione situata sotto il portico del palazzo municipale.
Frase derivata da Bellum Iugurthinum (10, 6) di Sallustio.




8) NON DIVITIAE PACEM SED PAX DIVITIAS





Traduzione
NON È LA RICCHEZZA CHE PROCURA LA PACE, MA È LA PACE CHE ASSICURA LA RICCHEZZA

NOTA
Iscrizione situata sotto il portico del palazzo municipale



9) ANIMUS IN AUDIENDO BENIGNUS

Traduzione
UNO SPIRITO ANIMATO DA BENEVOLENZA NELL'ASCOLTARE
NOTA
Non sono riuscito a rintracciare questa sentenza in nessun punto del Municipio
"Animus in audiendo benignus" si trova sulla porta d'ingresso della Sala del Consiglio dei Dodici del Palazzo Pubblico della Repubblica di  San Marino.

10) ROVET - URIT

NOTA
Queste parole erano scritte, se non ricordo male, su un camino di un piccolo locale a cui si accede dall'ufficio anagrafe. Non ci sono più.

Ho compilato le NOTE di questo testo inserendo le frasi su internet e cercando di ricavarne qualche notizia.Ulteriori precisazioni o approfondimenti sono come sempre assai graditi. Marco Bartesaghi

1 commento:

  1. Buongiorno .sono seduta in attesa del mio appuntamento. Cerco sul mio Smartphone il significato delle parole in latino che vedo scritte sopra porta e sul camino del locale a lato ufficio anagrafe, dove attendo. Trovo questo blog con tutte le traduzioni. Molto utile e bello. Rovet urit. Sono ancora scitte sul camino, non sono andate perse per fortuna. Grazie. Luisa

    RispondiElimina